Anonimo - Pescivendolo

 
CODICI
ID Scheda634908
 
RELAZIONI CON ALTRE SCHEDE
Relazioni con altre schede
Altre relazioni
 
LOCALIZZAZIONE
RegioneLazio
Provincia
Comune
Contenitore
Collocazione specificaPalazzo Barberini
 
INVENTARIO
Numero1559
Numero16940
Data1924
 
PROVENIENZA E ALTRE LOCALIZZAZIONI
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneEmilia-Romagna
ProvinciaRN
ComuneSantarcangelo Di Romagna
LocalitàVilla Ginazzi Fantuzzi di Gualdo
ContenitoreVilla Ginazzi Fantuzzi di Gualdo
RaccoltaCollezione Ginanni Fantuzzi di Gualdo
Data ingressoante 1914
Data uscitapost 1914
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneLazio
ProvinciaRM
ComuneRoma
ContenitoreGalleria nazionale d'Arte Antica
SpecifichePalazzo Corsini
Data ingressopost 1914
Data uscitaante 1949
 
AUTORE
Nome scelto
AMBITO CULTURALE
DenominazioneAmbito napoletano
Motivazione attribuzionebibliografia
Altre attribuzioniCagnacci Guido
Altre attribuzioniFidani Orazio
Altre attribuzioniAnonimo romano
 
OGGETTO
Definizione
TipologiaDipinto
 
SOGGETTO
IdentificazionePescivendolo
 
DATI TECNICI
MISURE
Altezza95
Larghezza135
 
CRONOLOGIA
Secolosec. XVII
Frazione di secolosecondo quarto
Data1630
Validitàpost
Fino a1635
Validitàante
Motivazione cronologiabibliografia
 
DATI ANALITICI
NOTIZIE STORICO-CRITICHE
Notizie storico criticheL'opera è stata acquistata da Corrado Ricci nel 1914 ed esposta alla mostra fiorentina del 1922 come autografa di Guido Cagnacci (Ricci, 1915; Tarchiani, 1922).
Margherita Nugent (1922) esaltava il caravaggismo dell'opera, definendo il pescivendolo e la natura morta «prettamente meridionale» ed elogiando la «tecnica mirabile, pennellata larga, grossa, fresca, senza esitanze, concezione brutale, naturalistica, libera da ogni preconcetto, sprezzante soluzione d'ogni problema luministico e stilistico».
L'opera è presente nei due cataloghi del 1924 di Federico Hermanin e del 1932 di Aldo De Rinaldis (Hermanin, 1924; De Rinaldis, 1932). Nel 1961 è attribuita a Orazio Fidani da Roberto Longhi, seguito da Mina Gregori che sottolineava i caratteri fiorentini dell'artista (Longhi, 1961; Gregori, 1964).
Sarà per la prima volta Clarice Innocenti ad escludere il dipinto dal catalogo di Fidani (Innocenti, 1985), seguita da Marina Mojana nel 1996 che ne evidenzierà «l'uso del chiaroscuro molto violento e la tipologia del pescivendolo, decisamente inconfondibile» che per la studiosa sono vicini ad un artista «caravaggesco francese, attivo tra Roma e Napoli verso il 1630/1635», concludendo come l'opera sia più vicina «al Maestro del Giudizio di Salomone che non a un allievo del Bilivert», quest'ultimo maestro di Orazio Fidani (Mojana, 1996).
Nel 2008 Rossella Vodret cataloga il dipinto come «Anonimo napoletano (?) metà sec. XVII» (Vodret, 2008).
(S. Pistone Nascone, 2018)
 
FONTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO
FOTOGRAFIE
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreAnderson
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini onlus
Fondo di appartenenzaFondo De Logu
Formato19,5x26
IscrizioniA sinistra, in verticale e matita fucsia: "17 Cagnacci, Pescivendolo, Roma,/ Galleria Corsini (Anderson)"
Al cento, accanto al timbro Anderson, a matita: "8"
In basso a sinistra, a matita; "54S"
Stemmi/marchi/timbriAnderson's Photos - Roma
PosizioneSDDEL1-11-4
BIBLIOGRAFIA
Citazione completa- C. Ricci, Due quadri del Cagnacci comprati dallo Stato, in "Bollettino d'arte", 10, 1915, pp. 281-282
- M. Nugent, Alla mostra della pittura italiana del '600 e '700. Note e impressioni, II, San Casciano Val di Pesa 1930, pp. 255-256
- F. Hermanin, Catalogo della R. Galleria d'Arte Antica nel Palazzo Corsini - Roma, Bologna 1924, p. 54
- A. De Rinaldis, La Galleria nazionale d'Arte antica in Roma, Roma 1932, p. 22
- - R. Longhi, Scritti giovanili 1912-1922, I, Firenze 1961, p. 497
Citazione completa- R. Longhi, Sui margini della mostra del 1922, in Scritti giovanili 1912-1922, I, Firenze 1961, p. 497
- M. Gregori, in La natura morta italiana, catalogo della mostra (Napoli, Palazzo Reale), Milano 1964, pp. 78-79
- C. Innocenti, Orazio Fidani: caratteri ed evoluzione della tematica profana, in «Paradigma», 6, 1985, pp. 85-105
- M. Mojana, Orazio Fidani, Milano 1996, p. 136
- R. Vodret, in Galleria Nazionale d'Arte Antica Palazzo Barberini. I dipinti, Roma 2008, p. 42
MOSTRE
TitoloLa natura morta italiana
LuogoNapoli
Data1964