Lombardo Tullio - Soldato

 
CODICI
ID Scheda285301
 
RELAZIONI CON ALTRE SCHEDE
Relazioni con altre schede
Altre relazioni
 
LOCALIZZAZIONE
RegioneVeneto
Provincia
Comune
Contenitore
Collocazione specificaPresbiterio, monumento funebre del doge Andrea Vendramin, nicchia sinistra
 
PROVENIENZA E ALTRE LOCALIZZAZIONI
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneVeneto
ProvinciaVE
ComuneVenezia
ContenitoreChiesa di Santa Maria dei Servi
SpecificheMonumento funebre del doge Andrea Vendramin, piedistallo sinistro
Data uscita1810-1819
 
AUTORE
Nome scelto
Dati anagrafici1455 ca./ 1532 ca.
Riferimento all'autoreattr.
Motivazione attribuzioneBibliografia
AMBITO CULTURALE
Altre attribuzioniLeopardi Alessandro
Altre attribuzioniLombardo Antonio
 
OGGETTO
Definizione
TipologiaStatua a tutto tondo
Identificazioneelemento d'insieme
 
SOGGETTO
IdentificazioneSoldato
 
DATI TECNICI
Materia e tecnica
Materia e tecnica
 
CRONOLOGIA
Secolosec. XV
Frazione di secoloultimo quarto
Data1490
Validitàpost
Fino a1494
Validitàante
Motivazione cronologiaBibliografia
 
 
STATO DI CONSERVAZIONE
Stato di conservazionebuono
 
DATI ANALITICI
NOTIZIE STORICO-CRITICHE
Notizie storico criticheI soldati nelle nicchie erano originariamente posizionati sui piedistalli esagonali alle estremità del monumento, in luogo delle attuali figure di Sante, opera di Lorenzo Bregno.
L'attribuzione a Tullio Lombardo è avanzata già da Diedo e Zanotto (1839), e ribadita da Paoletti (1893), che propone, in alternativa, il nome del fratello Antonio.
Gli studiosi successivi concordano sull'attribuzione a Tullio, sulla base delle affinità con l'Adamo, firmato dallo scultore.
Secondo Pincus (1979) i "Soldati" furono realizzati in una fase leggermente successiva all'Adamo, tra il 1492 e il 1493; Luchs (1995) ritiene che le sculture siano state eseguite dopo il soggiorno romano (collocato dalla studiosa tra il 1489 e 1490), e propone come termine ante quem per la figura in questione il 1494, data del soggiorno veneziano di Michelangelo, che avrebbe ripreso lo sguardo teso del soldato nel suo "David" fiorentino. Nel 1495, inolte, entrambi i soldati Vendramin sarebbero stati ammirati a Venezia da Andrea Fusina, che ne avrebbe ripreso il modello nel suo "Giuda Maccabeo" scolpito per il Duomo di Milano nel 1497.
Per ulteriori notizie storico-critiche si rimanda alla scheda n. 272291.
 
FONTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO
FOTOGRAFIE
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreAlinari
Data1915-1920
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoAlinari, Firenze, 18486
Formato19.3x25.5
PosizioneSDAlinari 18486
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
Data1910-1950
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 4240
Formato19.5x25
PosizioneSDBohm 4240
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1910-1950
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 424
Formato19.6x24.1
PosizioneSDBohm 424
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1910-1950
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 4243
Formato19x24.8
PosizioneSDBohm 4243
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreNaya
Data1860-1918
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm
Formato18.8x24.4
PosizioneSDBohm 3381_N
BIBLIOGRAFIA
Citazione completa- F. Sansovino, Venetia città nobilissima et singolare, Venezia 1581, p. 57v
- T. Temanza, Vite dei piu celebri architetti e scultori veneziani che fiorirono nel secolo decimosesto, Venezia 1778, pp. 114, 120-121
- G. Moschini, Guida per la città di Venezia, I, Venezia 1815, p. 175
- L. Cicognara, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia sino al secolo di Napoleone per servire di continuazione alle opere di Winkelmann e di d'Agincourt, Venezia 1816, pp. 164-168
- G. Soravia, Le chiese di Venezia, I, Venezia 1822 – 1824, pp. 85-88
- A. Diedo e F. Zanotto, I monumenti cospicui di Venezia, Milano 1839
- P. Selvatico, Sulla architettura e sulla scultura in Venezia dal Medio Evo sino ai nostri giorni. Studi di P. Selvatico per servire di guida estetica, Venezia 1847, pp. 219-221
- P. Selvatico e V. Lazari, Guida artistica e storica di Venezia, Venezia 1852, p. 123
- R. Fulin e P.G. Molmenti, Guida artistica e storica di Venezia e delle isole circonvicine, Venezia 1881, pp. 224
- P. Paoletti, L'architettura e la scultura del Rinascimento in Venezia, II, Venezia 1893-1897, pp. 185, 211, 216, 231-233, 254, 266, 274
- A. Venturi, Storia dell’arte italiana, VI: La scultura del Quattrocento, Milano 1908, p. 1094
- P.L. Rambaldi, La chiesa dei santi Giovanni e Paolo e la Cappella del Rosario in Venezia, Venezia 1913, pp. 25-26
- L. Planiscig, Venezianische Bildhauer der Renaissance, Wien 1921, p. 240-242
- G. Lorenzetti, Venezia e il suo estuario, Venezia 1926, p. 331-332
- G. Fogolari, I Frari e i SS: Giovanni e Paolo, Milano 1931, tav. 41
- A. Venturi, Storia dell’arte italiana. X. La scultura del Cinquecento, Milano 1935, pp. 370
- E. Möller, Verocchio's last drawing, in "The Burlington magazine", 66.1935, p. 193-195
- L. Planiscig, Pietro, Tullio und Antonio Lombardo. Neue Beiträge zu ihrem Werk, in "Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien", Wien 1937, pp. 102-110
- P. Remington, Adam by Tullio Lombardo, in "The Metropolitan Museum of Art Bulletin", XXXII, 1937, pp. 58-62
- A. Da Mosto, I dogi di Venezia con particolare riguardo alle loro tombe, Venezia 1939, pp. 133-137
- G. Mariacher, Problemi di scultura veneziana (II). 2. L'Eva Vendramin, in "Arte Veneta", 4, 1950, pp. 107-109
- G. Mariacher, Tullio Lombardo Studies, in "The Burlington Magazine", XCVI, 1954, p. 370-373
- J. Pope-Hennessy, Italian Renaissance Sculpture, London 1958, pp. 111, 354-355
- M.T. Casella e G. Pozzi, Francesco Colonna: biografia e opere, II, Padova 1959, pp. 75-76
- U. Donati, Artisti ticinesi a Venezia dal XV al XVIII secolo, Lugano 1961, p. 19, figg. 39-41
- A.M. Caccin, La basilica dei SS. Giovanni e Paolo in Venezia, Venezia 1961, pp. 65-68
- G. Pozzi e L.A. Ciapponi, La cultura figurativa di Francesco Colonna e l'arte veneta, in "Lettere italiane", 14, 1962, pp. 156
- E. Panofsky, Tomb sculpture: four lectures on its changing aspects from ancient Egypt to Bernini, London 1964, p. 82
- F. Zava Boccazzi, La basilica dei SS. Giovanni e Paolo in Venezia, Venezia 1965, pp. 131-139
- C. Seymour, Sculpture in Italy 1400 to 1500, Harmondsworth and Baltimore 1966 pp. 199-201, 215
- W. Stedman Sheard, The tomb of doge Andrea Vendramin in Venice by Tullio Lombardo, Ph. D. dissertation, Yale University, 1971
- A. Zorzi, Venezia scomparsa, II. Repertorio degli edifici veneziani distrutti, alterati o manomessi, Milano 1972, pp. 348-361
- R.E. Stone, Tullio Lombardo’s Adam from the Vendramin tomb: a new terminus ante quem, in "Marsyas. Studies in the History of Art", XVI, 1972-1973, pp. 87-88
- M. Maek-Gerard, Tullio Lombardo. Ein beitrag zur Problematik der venezianischen Werkstatt bis zu den Auswirkungen des Krieges gegen die Liga von Cambrai, Ph D. Dissertation, Johann-Wolfgang Goethe Universität, Frankfurt, 1974, pp. 163-240
- E. Ruhmer, Antonio Lombardo. Versuch einer Charakteristik, in "Arte Veneta", XXVIII, 1974, pp. 54-56
- W. Stedman Sheard, Sanudo's List of Notable Things in Venetian Churches and the date of the Vendramin Tomb, in "Yale Italian Studies", I, 3, 1977, pp. 219-268
- W. Stedman Sheard, "Asa adorna": The Prehistory of the Vendramin Tomb, in "Jahrbuch der Berliner Museen", 20, 1978, pp. 117-156
- S. Wilk, The Sculpture of Tullio Lombardo. Studies in Sources and Meaning, New York-London 1978, pp. 20-24
- D. Pincus, Tullio Lombardo as a Restorer of Antiquities: an Aspect of Fifteenth Century Venetian Antiquarianism, in "Arte Veneta", XXXIII, 1979, pp. 36-38
- C.H. Smyth, Venice and the Emergence of the High Renaissance in Florence: Observations and Questions, in Florence and Venice: Comparisons and Relations, a cura di S. Bertelli, N. Rubinstein, C.H. Smyth, Firenze 1979, I, pp. 210-215
- C. H. Smyth, Michelangelo and Giorgione, in Giorgione: atti del Convegno internazionale di studio per il 5° centenario della nascita, Castelfranco Veneto 1979, p. 215
- M. Maek-Gérard, Die "Milanexi" in Venedig: ein Beitrag zur Entwicklungsgeschichte der Lombardi-Werkstatt, in "Wallraf-Richartz-Jahrbuch", 41, 1980, pp. 105-130
- D. Pincus, An antique fragment as workshop model: classicism in the Andrea Vendramin tomb, in "The Burlington Magazine", 123, 1981, pp. 342-346
- J. McAndrew, L’architettura veneziana del primo Rinascimento, a cura di R. Munman e C. Kolb, Venezia 1983, pp. 429-435
- W. Stedmam Sheard, Il torso antico nell'arte veneziana tra Quattro e Cinquecento. Un nuova lettura del torso, in Roma e l'antico nell'arte e nella cultura del Cinquecento, a cura di M. Fagiolo, Roma, 1985, p. 426
- S. Romano, Tullio Lombardo, Il monumento al Doge Andrea Vendramin, Venezia 1985
- A. Markham Schulz, La scultura, in Storia di Venezia, Temi. L'arte, a cura di R. Pallucchini, I, Roma 1994, p. 574- 579
- P. C. Marani, The Hammer Lecture (1994): Tivoli, Hadrian and Antinous. New evidence of Leonardo's Relation to the Antique, in "Achademia Leonardo da Vinci", VIII, 1995, pp. 214-225
- A. Manno e S. Sponza, Basilica dei Santi Giovanni e Paolo: arte e devozione, Venezia 1995, pp. 6, 31-32
- A. Luchs, Tullio Lombardo and Ideal Portrait Sculpture in Renaissance Venice, 1490-1530, Cambridge (Mass.) 1995, pp. 41-50
- T. Yuen, Glyptic Sources of Renaissance Art, in Engraved Gems: Survivals and Revivals, a cura di C.M. Brown, ("Studies in the History of Art", 54), Washington-Hannover-London 1997, pp. 144-145
- M. Ishii, Antonio Lombardo e l'antico: qualche riflessione, in "Arte Veneta", 51, 1997, pp. 6-10
- W. Stedman Sheard, Tullio Lombardo in Rome? The Arch of Constantine, the Vendramin Tomb, and the Reinvention of Monumental Classicizing Relief, in "Artibus et Historiae", 18, 35, 1997, pp. 161-165, 172-179
- P. L. Rubin, in Renaissance Florence The Art of the 1470s, catalogo della mostra a cura di P. L. Rubin e A. Wright, London 1999, pp. 146-147
- M. Ceriana, Profilo della scultura a Venezia tra il 1450 e il 1500, in Da Bellini a Veronese. Temi di Arte Veneta, a cura di G. Toscano e F. Valcanover, Venezia 2004, pp. 46-49
- M. Ferretti, Il "San Marco" del Duomo di Ravenna: Tullio Lombardo caccia due intrusi del "Thieme-Becker", in "Prospettiva", 95/96, 1999, pp. 2-23
- A. Markham Schulz, La vita e l'opera di Antonio Lombardo, in Il Camerino di alabastro. Antonio Lombardo e la scultura all’antica, a cura di M. Ceriana, Milano 2004, pp. 25-26
- A. Sarchi, Lombardo, Antonio, in Dizionario biografico degli italiani, 65, Roma 2005, p. 501
- M. Ceriana, Lombardo, Tullio, in Dizionario biografico degli italiani, 65, Roma 2005, p. 532
- A. Luchs, Lo scalpello e la pagina. I Lombardo e l'illustrazione del Libro a Venezia, in I Lombardo, architettura e scultura a Venezia tra '400 e '500, a cura di A. Guerra, M.M. Morresi, R. Schofield, Venezia 2006, pp. 154-159
- A. Luchs, Il mare e la salvezza: il repertorio di immagini marine nella tomba di Andrea Vendramin, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007, pp. 3-14
- M. Knuth, I Paggi del Monumento Vendramin nel museo di Berlino: storia e stato di conservazione, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007. pp. 15-22
- D. Pincus, Lo scorrere del tempo: Antonio Rizzo, Pietro e Tullio Lombardo e Michelangelo, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007, pp. 283- 284
- A. Sarchi, Antonio Lombardo, Venezia 2008 (Studi di Arte Veneta, 15), pp. 88-93, 218-222, cat. 8