Lombardo Tullio - Monumento funebre del doge Andrea Vendramin

 
CODICI
ID Scheda272291
 
RELAZIONI CON ALTRE SCHEDE
Relazioni con altre schede
Altre relazioni
 
LOCALIZZAZIONE
RegioneVeneto
Provincia
Comune
Contenitore
Collocazione specificaPresbiterio
 
PROVENIENZA E ALTRE LOCALIZZAZIONI
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneVeneto
ProvinciaVE
ComuneVenezia
ContenitoreChiesa di Santa Maria dei Servi
Data uscita1810-1819
 
AUTORE
Nome scelto
Dati anagrafici1455 ca./ 1532 ca.
Riferimento all'autoree aiuti
Motivazione attribuzioneBibliografia
AMBITO CULTURALE
Altre attribuzioniLeopardi Alessandro
 
OGGETTO
Definizione
TipologiaMonumento funebre a parete
 
SOGGETTO
IdentificazioneMonumento funebre del doge Andrea Vendramin
 
DATI TECNICI
Materia e tecnica
Materia e tecnica
MISURE
Altezza1200
Larghezza780
 
CRONOLOGIA
Secolosec. XV
Frazione di secoloultimo quarto
Data1489
Validitàpost
Fino a1493
Validitàca.
Motivazione cronologiabibliografia
 
 
STATO DI CONSERVAZIONE
Stato di conservazionebuono
 
DATI ANALITICI
ISCRIZIONI
Classe di appartenenzaSepolcrale
LinguaLatino
Tecnica di scritturaA incisione
Tipo di caratteriLettere capitali
PosizioneNello zoccolo
TrascrizioneANDREAE VENDRAMENO DVCI/ OPVM SPLENDORE CLARO SED EX MIRA IN PATRIAM/ PIETATE OPVM VSV LONGE CLARISSIMO QUI CROIA/ TURCARVM OBSIDIONE LIBERATA EORVNDEMQ/ IRRUPTIONE IN CARNIAM REIECTA FELIX INSIGNI/ PROLE IMPLETIS OMNIBUS ET FORTUNAE ET/ NATURAE ET VIRTVTIS NVMERIS PRINCIPATVS/ BREVITATEM SEMPITERNA CAELI GLORIA COMPENSAT/ VIXIT ANNOS LXXXV MENSES VIII/ OBIIT PRIDIE NONAS MAII/ ANNO MCCC- CLXXIIX/ PRINCIPATVS SVI ANNO SECVNDO
STEMMI, EMBLEMI, MARCHI
Classe di appartenenzaarme
Qualificazionegentilizio
IdentificazioneVendramin
Quantità2
PosizioneNello zoccolo
Notizie storico criticheIl monumento fu eretto nella chiesa veneziana di Santa Maria dei Servi dagli eredi del doge Andrea Vendramin: a seguito della chiusura al culto dell'edificio, colpito dagli editti napoleonici di soppressione (1810), fu smantellato e quindi rimontato, privo di alcune parti (due Paggi reggiscudo, oggi a Berlino, Staatliche Museen, e l'Adamo, ora Metropolitan Museum di New York), nella basilica domenicana dei Santi Giovanni e Paolo, tra il 1817 e il 1819. Non è certo che sia mai stata scolpita una figura di Eva per la nicchia di destra: quella oggi conservata nel giardino di Palazzo Vendramin Calergi è riconosciuta sin da Paoletti come opera barocca.
La prima menzione di un sontuoso monumento funerario, da erigersi nella cappella di famiglia della chiesa servita, è contenuta nel testamento steso da Andrea Vendramin nel 1472, prima dell'elezione al dogato. Tuttavia alla morte del doge (1478) uno dei figli, Leonardo, dichiarava ancora di voler essere sepolto nella vecchia tomba Vendramin, nel chiostro del monastero. La tomba, in costruzione nel 1493 (Sanudo, "De origine, situ et magistratibus urbis Venetiae"), è presa a modello lo stesso anno da Sebastiano da Milano per la cornice della pala sull'altar maggiore della chiesa di San Giovanni in Bragora (Luchs, 1995); è citata inoltre come mancante solo dell'epitaffio e di una delle sculture nelle "Vite dei dogi", scritte tra il 1498 e il 1522 (Stedman Sheard, 1971; 1977; 1978; Romano, 1985).
Nonostante la presenza della firma di Tullio Lombardo sul piedistallo della statua di Adamo, il monumento è assegnato da Temanza (1778), ad Alessandro Leopardi, sulla base delle somiglianze rilevate dallo scrittore settecentesco con i rilievi del piedistallo del monumento equestre al condottiero Bartolomeo Colleoni.
Tra gli scrittori ottocenteschi, solo Soravia (1822-1824) e Diedo e Zanotto (1839) propongono di attribuire al Lombardo, oltre all'Adamo e alla figura di Eva che gli fa da pendant, alcune figure scolpite nel basamento (Soravia), i due Guerrieri, i personaggi dell'Annunciazione ai lati dell'arco, il rilievo nella lunetta e quelli con il "Ratto di Deianira" e "Perseo che uccide la Medusa" nei tondi sopra le nicchie laterali (Diedo e Zanotto).
E' Paoletti (1893) ad assegnare l'intero monumento a Tullio, con l'intervento del fratello Antonio: l'attribuzione a Tullio Lombardo, con la collaborazione della bottega, è unanimemente accolta dalla letteratura successiva.
Si conserva al Victoria and Albert Museum di Londra un disegno attribuito ad Andrea del Verrocchio, nel quale si riconosce un primo progetto per il monumento Vendramin (Möller, 1935): l'artista fiorentino sarebbe stato interpellato dalla famiglia del doge negli anni ottanta del Quattrocento, mentre si trovava a Venezia per la realizzazione del monumento equestre al Colleoni. Tale progetto non avrebbe però avuto seguito, a causa della morte dello scultore nel 1488. La commissaria si sarebbe quindi rivolta a Tullio Lombardo.
 
FONTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO
FOTOGRAFIE
Generefotografia allegata
Tipofotografia digitale
AutoreGuerrini Sara
Data2007
Ente proprietarioUniversità Iuav di Venezia
CollocazioneLaboratorio fotografico Università IUAV di Venezia
PosizioneFDB_5045
Generefotografia allegata
Tipofotografia digitale
AutoreGuerrini Sara
Data2007
Ente proprietarioUniversità Iuav di Venezia
CollocazioneLaboratorio fotografico Università IUAV di Venezia
PosizioneFDB_5047
Generefotografia allegata
Tipofotografia digitale
AutoreGuerrini Sara
Data2007
Ente proprietarioUniversità Iuav di Venezia
CollocazioneLaboratorio fotografico Università IUAV di Venezia
PosizioneFDB_5048
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Datapost 1976
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 20201
Formato19.3x26
PosizioneSDBohm 20201
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Datapost 1976
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 20202
Formato18x26
PosizioneSDBohm 20202
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Datapost 1976
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 18665
Formato17.5x26
PosizioneSDBohm 18665
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1950-1976
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 12475
Formato20x25
PosizioneSDBohm 12475
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1950-1976
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 12476
Formato20x25
PosizioneSDBohm 12476
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1950-1976
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 12477
Formato18.6x25
PosizioneSDBohm 12477
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreFiorentini
Data1905-1960
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoFiorentini, Venezia, 511
Formato16x21
PosizioneSDFior_511
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreAnderson
Dataante 1915
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoAnderson, Roma, 22723
Formato20x26
PosizioneSDAnderson 22723
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreNaya
Data1860-1918
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 3835 N.
Formato19.5x23
PosizioneSDBohm 3835_N
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1860-1918
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 134 N.V.
Formato19.3x24
PosizioneSDBohm 134_N_V
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreAlinari
Data1900 ca.
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoAlinari, Firenze, 12444
Formato19.5x26
PosizioneSDAlinari 12444
BIBLIOGRAFIA
Citazione completa- F. Sansovino, Venetia città nobilissima et singolare, Venezia 1581, p. 57v
- T. Temanza, Vite dei piu celebri architetti e scultori veneziani che fiorirono nel secolo decimosesto, Venezia 1778, pp. 114, 120-121
- G. Moschini, Guida per la città di Venezia, I, Venezia 1815, p. 175
- L. Cicognara, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia sino al secolo di Napoleone per servire di continuazione alle opere di Winkelmann e di d'Agincourt, Venezia 1816, pp. 164-168
- G. Soravia, Le chiese di Venezia, I, Venezia 1822 – 1824, pp. 85-88
- A. Diedo e F. Zanotto, I monumenti cospicui di Venezia, Milano 1839
- P. Selvatico, Sulla architettura e sulla scultura in Venezia dal Medio Evo sino ai nostri giorni. Studi di P. Selvatico per servire di guida estetica, Venezia 1847, pp. 219-221
- P. Selvatico e V. Lazari, Guida artistica e storica di Venezia, Venezia 1852, p. 123
- R. Fulin e P.G. Molmenti, Guida artistica e storica di Venezia e delle isole circonvicine, Venezia 1881, pp. 224
- P. Paoletti, L'architettura e la scultura del Rinascimento in Venezia, II, Venezia 1893-1897, pp. 185, 211, 216, 231-233, 254, 266, 274
- A. Venturi, Storia dell’arte italiana, VI: La scultura del Quattrocento, Milano 1908, p. 1094
- P.L. Rambaldi, La chiesa dei santi Giovanni e Paolo e la Cappella del Rosario in Venezia, Venezia 1913, pp. 25-26
- L. Planiscig, Venezianische Bildhauer der Renaissance, Wien 1921, p. 240-242
- G. Lorenzetti, Venezia e il suo estuario, Venezia 1926, p. 331-332
- G. Fogolari, I Frari e i SS: Giovanni e Paolo, Milano 1931, tav. 41
- A. Venturi, Storia dell’arte italiana. X. La scultura del Cinquecento, Milano 1935, pp. 370
- E. Möller, Verocchio's last drawing, in "The Burlington magazine", 66.1935, p. 193-195
- L. Planiscig, Pietro, Tullio und Antonio Lombardo. Neue Beiträge zu ihrem Werk, in "Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien", Wien 1937, pp. 102-110
- P. Remington, Adam by Tullio Lombardo, in "The Metropolitan Museum of Art Bulletin", XXXII, 1937, pp. 58-62
- A. Da Mosto, I dogi di Venezia con particolare riguardo alle loro tombe, Venezia 1939, pp. 133-137
- G. Mariacher, Problemi di scultura veneziana (II). 2. L'Eva Vendramin, in "Arte Veneta", 4, 1950, pp. 107-109
- G. Mariacher, Tullio Lombardo Studies, in "The Burlington Magazine", XCVI, 1954, p. 370-373
- J. Pope-Hennessy, Italian Renaissance Sculpture, London 1958, pp. 111, 354-355
- M.T. Casella e G. Pozzi, Francesco Colonna: biografia e opere, II, Padova 1959, pp. 75-76
- U. Donati, Artisti ticinesi a Venezia dal XV al XVIII secolo, Lugano 1961, p. 19, figg. 39-41
- A.M. Caccin, La basilica dei SS. Giovanni e Paolo in Venezia, Venezia 1961, pp. 65-68
- G. Pozzi e L.A. Ciapponi, La cultura figurativa di Francesco Colonna e l'arte veneta, in "Lettere italiane", 14, 1962, pp. 156
- E. Panofsky, Tomb sculpture: four lectures on its changing aspects from ancient Egypt to Bernini, London 1964, p. 82
- F. Zava Boccazzi, La basilica dei SS. Giovanni e Paolo in Venezia, Venezia 1965, pp. 131-139
- C. Seymour, Sculpture in Italy 1400 to 1500, Harmondsworth and Baltimore 1966 pp. 199-201, 215
- W. Stedman Sheard, The tomb of doge Andrea Vendramin in Venice by Tullio Lombardo, Ph. D. dissertation, Yale University, 1971
- A. Zorzi, Venezia scomparsa, II. Repertorio degli edifici veneziani distrutti, alterati o manomessi, Milano 1972, pp. 348-361
- R.E. Stone, Tullio Lombardo’s Adam from the Vendramin tomb: a new terminus ante quem, in "Marsyas. Studies in the History of Art", XVI, 1972-1973, pp. 87-88
- M. Maek-Gerard, Tullio Lombardo. Ein beitrag zur Problematik der venezianischen Werkstatt bis zu den Auswirkungen des Krieges gegen die Liga von Cambrai, Ph D. Dissertation, Johann-Wolfgang Goethe Universität, Frankfurt, 1974, pp. 163-240
- E. Ruhmer, Antonio Lombardo. Versuch einer Charakteristik, in "Arte Veneta", XXVIII, 1974, pp. 54-56
- W. Stedman Sheard, Sanudo's List of Notable Things in Venetian Churches and the date of the Vendramin Tomb, in "Yale Italian Studies", I, 3, 1977, pp. 219-268
- W. Stedman Sheard, "Asa adorna": The Prehistory of the Vendramin Tomb, in "Jahrbuch der Berliner Museen", 20, 1978, pp. 117-156
- S. Wilk, The Sculpture of Tullio Lombardo. Studies in Sources and Meaning, New York-London 1978, pp. 20-24
- D. Pincus, Tullio Lombardo as a Restorer of Antiquities: an Aspect of Fifteenth Century Venetian Antiquarianism, in "Arte Veneta", XXXIII, 1979, pp. 36-38
- C.H. Smyth, Venice and the Emergence of the High Renaissance in Florence: Observations and Questions, in Florence and Venice: Comparisons and Relations, a cura di S. Bertelli, N. Rubinstein, C.H. Smyth, Firenze 1979, I, pp. 210-215
- C. H. Smyth, Michelangelo and Giorgione, in Giorgione: atti del Convegno internazionale di studio per il 5° centenario della nascita, Castelfranco Veneto 1979, p. 215
- M. Maek-Gérard, Die "Milanexi" in Venedig: ein Beitrag zur Entwicklungsgeschichte der Lombardi-Werkstatt, in "Wallraf-Richartz-Jahrbuch", 41, 1980, pp. 105-130
- D. Pincus, An antique fragment as workshop model: classicism in the Andrea Vendramin tomb, in "The Burlington Magazine", 123, 1981, pp. 342-346
- J. McAndrew, L’architettura veneziana del primo Rinascimento, a cura di R. Munman e C. Kolb, Venezia 1983, pp. 429-435
- W. Stedmam Sheard, Il torso antico nell'arte veneziana tra Quattro e Cinquecento. Un nuova lettura del torso, in Roma e l'antico nell'arte e nella cultura del Cinquecento, a cura di M. Fagiolo, Roma, 1985, p. 426
- S. Romano, Tullio Lombardo, Il monumento al Doge Andrea Vendramin, Venezia 1985
- A. Markham Schulz, La scultura, in Storia di Venezia, Temi. L'arte, a cura di R. Pallucchini, I, Roma 1994, p. 574- 579
- P. C. Marani, The Hammer Lecture (1994): Tivoli, Hadrian and Antinous. New evidence of Leonardo's Relation to the Antique, in "Achademia Leonardo da Vinci", VIII, 1995, pp. 214-225
- A. Manno e S. Sponza, Basilica dei Santi Giovanni e Paolo: arte e devozione, Venezia 1995, pp. 6, 31-32
- A. Luchs, Tullio Lombardo and Ideal Portrait Sculpture in Renaissance Venice, 1490-1530, Cambridge (Mass.) 1995, pp. 41-50
- T. Yuen, Glyptic Sources of Renaissance Art, in Engraved Gems: Survivals and Revivals, a cura di C.M. Brown, ("Studies in the History of Art", 54), Washington-Hannover-London 1997, pp. 144-145
- M. Ishii, Antonio Lombardo e l'antico: qualche riflessione, in "Arte Veneta", 51, 1997, pp. 6-10
- W. Stedman Sheard, Tullio Lombardo in Rome? The Arch of Constantine, the Vendramin Tomb, and the Reinvention of Monumental Classicizing Relief, in "Artibus et Historiae", 18, 35, 1997, pp. 161-165, 172-179
- P. L. Rubin, in Renaissance Florence The Art of the 1470s, catalogo della mostra a cura di P. L. Rubin e A. Wright, London 1999, pp. 146-147
- M. Ceriana, Profilo della scultura a Venezia tra il 1450 e il 1500, in Da Bellini a Veronese. Temi di Arte Veneta, a cura di G. Toscano e F. Valcanover, Venezia 2004, pp. 46-49
- M. Ferretti, Il "San Marco" del Duomo di Ravenna: Tullio Lombardo caccia due intrusi del "Thieme-Becker", in "Prospettiva", 95/96, 1999, pp. 2-23
- A. Markham Schulz, La vita e l'opera di Antonio Lombardo, in Il Camerino di alabastro. Antonio Lombardo e la scultura all’antica, a cura di M. Ceriana, Milano 2004, pp. 25-26
- A. Sarchi, Lombardo, Antonio, in Dizionario biografico degli italiani, 65, Roma 2005, p. 501
- M. Ceriana, Lombardo, Tullio, in Dizionario biografico degli italiani, 65, Roma 2005, p. 532
- A. Luchs, Lo scalpello e la pagina. I Lombardo e l'illustrazione del Libro a Venezia, in I Lombardo, architettura e scultura a Venezia tra '400 e '500, a cura di A. Guerra, M.M. Morresi, R. Schofield, Venezia 2006, pp. 154-159
- A. Luchs, Il mare e la salvezza: il repertorio di immagini marine nella tomba di Andrea Vendramin, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007, pp. 3-14
- M. Knuth, I Paggi del Monumento Vendramin nel museo di Berlino: storia e stato di conservazione, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007. pp. 15-22
- D. Pincus, Lo scorrere del tempo: Antonio Rizzo, Pietro e Tullio Lombardo e Michelangelo, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007, pp. 283- 284
- A. Sarchi, Antonio Lombardo, Venezia 2008 (Studi di Arte Veneta, 15), pp. 88-93, 218-222 cat. 8