Lombardo Tullio - Monumento funebre del doge Giovanni Mocenigo

 
CODICI
ID Scheda268929
 
RELAZIONI CON ALTRE SCHEDE
Relazioni con altre schede
Altre relazioni
 
LOCALIZZAZIONE
RegioneVeneto
Provincia
Comune
Contenitore
Collocazione specificaControfacciata
 
AUTORE
Nome scelto
Dati anagrafici1455 ca./ 1532 ca.
Riferimento all'autoree aiuti
Motivazione attribuzioneBibliografia
 
OGGETTO
Definizione
TipologiaMonumento funebre a parete
 
SOGGETTO
IdentificazioneMonumento funebre del doge Giovanni Mocenigo
 
DATI TECNICI
Materia e tecnica
Materia e tecnica
MISURE
Altezza1000
Larghezza750
 
CRONOLOGIA
Secolosec. XVI
Frazione di secoloinizio
Data1500
Validitàpost
Fino a1510
Validitàante
Motivazione cronologiabibliografia
Altre datazioni1500-1522
 
DATI ANALITICI
ISCRIZIONI
Classe di appartenenzaSepolcrale
LinguaLatino
Tecnica di scritturaA incisione
Tipo di caratteriLettere capitali
PosizioneNello zoccolo
TrascrizioneDVX IOANNES MOCENICVS THOMAE PATRVI ET PETRI FRATRIS/ DVCVM SECVTVS VESTIGIA BELLVM/ FERRARIENSE INVITVS GESSIT/ ET RODIGIT PENINSVLAM ADIECIT/ IMPERIO PACEM COLVIT REM/ VENETAM ADMINISTRAVIT IVSTITIA/ PROBITATE ET PRVDENTIA/ DVX OPT ET AMANTIS/ REIPV HABITVS EST L.F.P./ OBIIT ANN MCDLXXXV VIXIT ANN LXXVI DVX ANN VII MVI
STEMMI, EMBLEMI, MARCHI
Classe di appartenenzaarme
Qualificazionegentilizio
IdentificazioneMocenigo
Quantità2
PosizioneSull'attico
Notizie storico criticheIl monumento sulla controfacciata della basilica veneziana dei Santi Giovanni e Paolo fu eretto per il doge Giovanni Mocenigo, morto di peste nel 1485.
Secondo quanto riportato da Sanudo, il doge fu sepolto in un primo momento presso l'arca di Tommaso Mocenigo; la tomba fu eretta nella basilica solo nel 1522 (Stedman Sheard, 1977; Caracciolo Aricò, 2001).
Il monumento è generalmente datato su basi stilistiche nel primo decennio del Cinquecento (Selvatico, 1847; Fulin e Molmenti, 1881; Paoletti, 1893; Planiscig, 1934; Mariacher, 1954; Pope Hennessy, 1958; Maek Gerard, 1974; Mc Andrew, 1983; Ceriana, 2004; Ishii, 2007; Saviello, 2007). Ceriana (2005) ritiene che la realizzazione, scalata in fasi successive e protrattasi per diversi decenni, fosse vicina alla conclusione nel 1517, quando un nipote del doge chiedeva di essere sepolto nella basilica, sotto il deposito di Giovanni. Tale ipotesi non è però accolta da Markham Schulz (1994; 2005, seguita da Blake Ham, 2007), secondo la quale la tomba fu effettivamente completata solo nel 1522.
L'attribuzione a Tullio Lombardo risale a Sansovino (1581), seguito dagli scrittori successivi. In un documento del 1528 un discendente del doge risulta infatti debitore nei confronti dello scultore di una somma di 132 ducati (Markham Schulz, 2005).
La critica ha proposto di individuare accanto a Tullio l'intervento di collaboratori, quali il fratello Antonio e il figlio Sante.
Secondo Paoletti (1893) il monumento avrebbe subito della manomissioni nel corso della realizzazione del mausoleo della famiglia Mocenigo, ad opera di Girolamo Grapiglia (1580-1646): in quest'occasione sarebbero state rimosse le due sculture che si trovavano originariamente alle estremità del primo attico, e la cimasa sulla cornice della trabeazione. Si ritiene inoltre che il secondo attico sia stato aggiunto nello stesso momento, per adeguare l'altezza del monumento alle dimensioni della tomba di Pietro Mocenigo, all'altra estremità della facciata (Mc Andrew, 1983).
 
FONTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO
FOTOGRAFIE
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreLieberman Ralph
Data2003
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
Fondo di appartenenzaFondo Lieberman
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoLieberman, VE GIO PAOLO 45.80
Formato20X25
PosizioneSDLieberman 45_80
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1950-1976
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 12301
Formato20x25
PosizioneSDBohm 12301
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreFiorentini
Data1905-1960
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoFiorentini, Venezia, 510
Formato17x22.5
PosizioneSDFior_510
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Data1910-1950
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 3924
Formato20x25
PosizioneSDBohm 3924
Generefotografia allegata
Tipofotografia digitale
AutoreSinigallia Alberto - Trevisanato Valentina
Data2007
Ente proprietarioUniversità Iuav di Venezia
CollocazioneLaboratorio Fotografico Università IUAV di Venezia
PosizioneFDB_5043
Generefotografia allegata
Tipofotografia digitale
AutoreSinigallia Alberto - Trevisanato Valentina
Data2007
Ente proprietarioUniversità Iuav di Venezia
CollocazioneLaboratorio Fotografico Università IUAV di Venezia
PosizioneFDB_5044
Generefotografia allegata
Tipofotografia digitale
AutoreSinigallia Alberto - Trevisanato Valentina
Data2007
Ente proprietarioUniversità Iuav di Venezia
CollocazioneLaboratorio Fotografico Università IUAV di Venezia
PosizioneFDB_5041
Generefotografia allegata
Tipofotografia digitale
AutoreSinigallia Alberto - Trevisanato Valentina
Data2007
Ente proprietarioUniversità Iuav di Venezia
CollocazioneLaboratorio fotografico Università IUAV di Venezia
PosizioneFDB_5042
BIBLIOGRAFIA
Citazione completa- F. Sansovino, Venetia città nobilissima et singolare, Venezia 1581, pp. 19
- T. Temanza, Vite dei piu celebri architetti e scultori veneziani che fiorirono nel secolo decimosesto, Venezia 1778, pp. 83-84
- G. Moschini, Guida per la città di Venezia, I, Venezia 1815, p. 171
- G. Soravia, Le chiese di Venezia, I, Venezia 1822 – 1824, pp. 187-
- A. Diedo e F. Zanotto, I monumenti cospicui di Venezia, Milano 1839
- P. Selvatico, Sulla architettura e sulla scultura in Venezia dal Medio Evo sino ai nostri giorni. Studi di P. Selvatico per servire di guida estetica, Venezia 1847, pp. 203-204
- P. Selvatico e V. Lazari, Guida artistica e storica di Venezia, Venezia 1852, p. 129
- R. Fulin e P.G. Molmenti, Guida artistica e storica di Venezia e delle isole circonvicine, Venezia 1881, pp. 217-218
- P. Paoletti, L'architettura e la scultura del Rinascimento in Venezia, II, Venezia 1893-1897, pp. 215, 239, 246, 266
- P.L. Rambaldi, La chiesa dei santi Giovanni e Paolo e la Cappella del Rosario in Venezia, Venezia 1913, pp. 15-16
- L. Planiscig, Venezianische Bildhauer der Renaissance, Wien 1921, p. 241
- G. Lorenzetti, Venezia e il suo estuario, Venezia 1926, p. 326
- G. Fogolari, I Frari e i SS: Giovanni e Paolo, Milano 1931, tav. 53
- L. Planiscig, Del Giorgionismo nella scultura veneziana, in "Bollettino d’arte", 28, 1934, pp. 150-155
- A. Venturi, Storia dell’arte italiana. X. La scultura del Cinquecento, Milano 1935, pp. 360-365
- L. Planiscig, Pietro, Tullio und Antonio Lombardo. Neue Beiträge zu ihrem Werk, in "Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien", Wien 1937, pp. 99, 108 sgg.
- A. Da Mosto, I dogi di Venezia con particolare riguardo alle loro tombe, Venezia 1939, pp. 137-139
- G. Mariacher, Tullio Lombardo Studies, in "The Burlington Magazine", XCVI, 1954, p. 373
- J. Pope-Hennessy, Italian Renaissance Sculpture, London 1958, pp. 113, 353-354
- U. Donati, Artisti ticinesi a Venezia dal XV al XVIII secolo, Lugano 1961, p. 19, figg. 44
- A.M. Caccin, La basilica dei SS. Giovanni e Paolo in Venezia, Venezia 1961, pp. 23-25
- F. Zava Boccazzi, La basilica dei SS. Giovanni e Paolo in Venezia, Venezia 1965, pp. 139-144
- R. Munman, Venetian Renaissance Tomb Monuments, Ph.D. dissertation, Harvard University, 1968, pp. 274-293
- W. Stedman Sheard, The tomb of doge Andrea Vendramin in Venice by Tullio Lombardo, Ph. D. dissertation, Yale University, 1971, pp. 251-257
- M. Maek-Gerard, Tullio Lombardo. Ein beitrag zur Problematik der venezianischen Werkstatt bis zu den Auswirkungen des Krieges gegen die Liga von Cambrai, Ph D. Dissertation, Johann-Wolfgang Goethe Universität, Frankfurt 1974, pp. 268-269, 304, 312
- W. Stedman Sheard, Sanudo's List of Notable Things in Venetiana Churches and the date of the Vendramin Tomb, in "Yale Italian Studies", I, 3, 1977, pp. 233, 249-250 n. 34
- J. McAndrew, L’architettura veneziana del primo Rinascimento, a cura di R. Munman e C. Kolb, Venezia 1983, pp. 435- 439
- K. Fittschen, Sul ruolo del ritratto antico nell'arte italiana, in Memoria dell'antico nell'arte italiana, a cura di S. Settis, II, Torino 1984-1986, p. 408
- P. Humphrey, The altarpiece in Renaissance Venice, New Haven-London 1993, p. 289
- A. Markham Schulz, La scultura, in Storia di Venezia, Temi. L'arte, a cura di R. Pallucchini, I, Roma 1994, p. 568
- A. Manno, San Marco Evangelista. Opere d'arte dalle chiese di Venezia, catalogo della mostra, Venezia 1995, p. 180, IV. 4
- A. Manno e S. Sponza, Basilica dei Santi Giovanni e Paolo: arte e devozione, Venezia 1995, pp. 10, 36
- A. Luchs, Tullio Lombardo and Ideal Portrait Sculpture in Renaissance Venice, 1490-1530, Cambridge (Mass.) 1995, pp. 45-46, 153 n. 56
- M. Sanudo, Le vite dei dogi, 1474-1494, edizione critica e note a cura di A. Caracciolo Aricò, Roma e Padova 2001, pp. 505-506
- M. Ceriana, La scultura veneziana al tempo di Giorgione, in Da Bellini a Veronese. Temi di Arte Veneta, a cura di G. Toscano e F. Valcanover, Venezia 2004, pp. 265-267
- A. Markham Schulz, Il problema della scultura tarda di Tullio Lombardo, in "Prospettiva", 115/116, 2004 (2005), pp. 47, 54-58, 63-65 nn. 52-55
- M. Ceriana, Lombardo, Tullio, in Dizionario biografico degli italiani, 65, Roma 2005, p. 535
- S. Blake Mc Ham, La tomba del doge Giovanni Mocenigo: politica e culto dinastico, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007, pp. 81-99
- M. Ishii, Il battesimo come illuminazione: qualche riflessione sul Monumento del doge Giovanni Mocenigo di Tullio Lombardo, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007. pp. 99-116
- A. Saviello, Eva virtuosa. Il gruppo di donna con putto nelle opere di Tullio Lombardo, in Tullio Lombardo. Scultore e architetto nella Venezia del Rinascimento, a cura di M. Ceriana, Verona 2007, pp. 117-119