Lombardo Tullio - Ritratto funebre di Guidarello Guidarelli

 
CODICI
ID Scheda113116
 
LOCALIZZAZIONE
RegioneEmilia-Romagna
Provincia
Comune
Contenitore
Raccolta
 
 
CONDIZIONE GIURIDICA
Indicazione genericadetenzione Ente pubblico territoriale
 
PROVENIENZA E ALTRE LOCALIZZAZIONI
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneEmilia-Romagna
ProvinciaRA
ComuneRavenna
ContenitoreChiesa di San Francesco
Data uscita1664
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneEmilia-Romagna
ProvinciaRA
ComuneRavenna
ContenitoreCappella di Braccioforte
Data ingresso1664
Data uscita1827
 
AUTORE
Nome scelto
Dati anagrafici1455 ca./ 1532 ca.
Motivazione attribuzioneDocumentazione
Motivazione attribuzioneBibliografia
AMBITO CULTURALE
Altre attribuzioniBaldini Giacomello
Altre attribuzioniAnonimo
 
COMMITTENZA
Data1501-1525
NomeBenedetta Del Sale, moglie di Guidarello Guidarelli
CircostanzaEsecuzione del testamento dettato da Guidarello Guidarelli
FonteDocumentazione
 
OGGETTO
Definizione
TipologiaLastra tombale
 
SOGGETTO
IdentificazioneRitratto funebre di Guidarello Guidarelli
 
DATI TECNICI
Materia e tecnica
Materia e tecnica
MISURE
Altezzan.p.
Larghezza54
 
CRONOLOGIA
Secolosec. XVI
Frazione di secoloprimo quarto
Data1525
Motivazione cronologiaDocumentazione
Motivazione cronologiaBibliografia
Altre datazionisec. XIX
 
 
STATO DI CONSERVAZIONE
Stato di conservazionebuono
 
RESTAURI
Data2004
 
DATI ANALITICI
NOTIZIE STORICO-CRITICHE
Notizie storico criticheLa lastra tombale di Guidarello Guidarelli godette di grande fortuna in epoca ottocentesca, tanto che l'Accademia di Belle Arti di Ravenna bandì ben tre concorsi per la realizzazione di copie del ritratto funebre.
Inizialmente ritenuta di Giacomello Baldini, la lastra venne avvicinata alla mano di Tullio Lombardo dal Ricci (1886), attribuzione confermata dal ritrovamento nell’Archivio Notarile di Ravenna (Grigioni, 1914) dell'atto di pagamento dell’opera allo scultore in questione. Cade così l’ipotesi di Paoletti (1893-1897) che l’aveva ricollegata ad Antonio Lombardo. Pur conoscendo l’esistenza della documentazione che ricollega il ritratto di Guidarello a Tullio, Bacchi e Cavina (1993) avanzano qualche dubbio sull’autenticità della lastra tombale. Ritengono infatti che si tratti di un falso di epoca romantica. A supportare la loro ipotesi vi sono innanzitutto alcune incongruenze nell’armatura, che non corrisponde esattamente a quelle in uso nel Cinquecento. Inoltre la pateticità del volto non trova riscontri nelle altre opere di Tullio, che solitamente mirano a "reincarnare la scultura antica attraverso un classicismo fortemente intellettualizzato". L’ultimo elemento discordante è ravvisabile nella resa dei particolari: mentre il volto è curato nel dettaglio, gli altri elementi non sono dotati di altrettanta attenzione, anzi, vi sono delle parti non portate a termine completamente, come le teste antropomorfe dei leoni, posizionate sugli spallacci dell’armatura.
 
FONTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO
FOTOGRAFIE
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreAnderson
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoAnderson, 27310
Formato16.5x25
PosizioneSDAnderson 27310
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutorePolesel Mario
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini onlus
Fondo di appartenenzaFondo A. Markham Schulz
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 133
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 134
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 135
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 136
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 137
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 138
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 139
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 140
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 141
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 142
PosizioneMARKHAM SCHULZ_G 143
BIBLIOGRAFIA
Citazione completa- P. Paoletti, L'architettura e la scultura del Rinascimento in Venezia, II, Venezia 1893-1897, p. 233, fig. 260
- L. Planiscig, Per il IV centenario della morte di Tullio Lombardo e Andrea Riccio, in "Dedalo", XII, 1932, p. 916
- La Galleria dell’Accademia di Ravenna, a cura di A. Martini, Venezia 1959
- C. Ricci, La statua di Guidarello Guidarelli, in "Emporium", Aprile 1901, pp. 289-305
- C. Ricci, Raccolte artistiche di Ravenna, Bergamo 1905, pp. 22-25
- C. Grigioni, L’autore della statua di Guidarello Guidarelli in Ravenna, in "Rassegna Bibliografica dell’arte italiana", XVII, 1914, pp. 123-128, nn. 9-11
- G. Savini, Per i monumenti e per la storia di Ravenna, Ravenna 1914, pp. 6-9
- J. Pope-Hennessy, Italian renaissance sculpture, London 1986, p. 340
- S. Wilk, The Sculpture of Tullio Lombardo. Studies in Sources and Meaning, New York-London 1978, pp. 145-192, figg. 70, 204-206
- A. Bacchi e D. Cavina, in Sembrare e non essere. I falsi nell’arte e nella civiltà, a cura di M. Jones e M. Spagnol, Milano 1993, pp. 419-423
- A. Luchs, Tullio Lombardo and ideal portrait sculpture in Renaissance Venice, 1490-1530, Cambridge 1995, pp. 94, 169, nota 38, fig. 156
- M. Ceriana, Lombardo, Tullio, in Dizionario biografico degli italiani, 65, Roma 2005, p. 535