Solari Cristoforo - Figura femminile stante, Fortezza

 
CODICI
ID Scheda112379
 
RELAZIONI CON ALTRE SCHEDE
Relazioni con altre schede
Altre relazioni
 
LOCALIZZAZIONE
RegioneVeneto
Provincia
Comune
Contenitore
Raccolta
 
 
CONDIZIONE GIURIDICA
Indicazione genericaproprietà Stato
 
PROVENIENZA E ALTRE LOCALIZZAZIONI
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneVeneto
ProvinciaVE
ComuneVenezia
ContenitoreChiesa di Santa Maria della Carità
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneVeneto
ProvinciaVE
ComuneVenezia
ContenitoreMuseo Archeologico Nazionale
Tipo di localizzazioneprovenienza
RegioneVeneto
ProvinciaVE
ComuneVenezia
ContenitoreGallerie dell'Accademia
 
AUTORE
Nome scelto
Dati anagrafici1460 ca./ 1527
Motivazione attribuzioneBibliografia
AMBITO CULTURALE
Altre attribuzioniManiera di Lombardo Antonio
Altre attribuzioniBianco Simone
Altre attribuzioniGrigi Guglielmo detto Bergamasco
 
OGGETTO
Definizione
TipologiaStatua a tutto tondo
 
SOGGETTO
IdentificazioneFigura femminile stante
TitoloFortezza
 
DATI TECNICI
Materia e tecnica
Materia e tecnica
MISURE
Altezza80
Larghezza32
Profondità30
 
CRONOLOGIA
Secolosec. XVI
Frazione di secoloprimo quarto
Data1520
Validitàca.
Motivazione cronologiaBibliografia
Altre datazioni1493-1495 ca.
 
 
STATO DI CONSERVAZIONE
Stato di conservazionebuono
 
DATI ANALITICI
STEMMI, EMBLEMI, MARCHI
Classe di appartenenzamarchio
Qualificazionedi collezione
IdentificazioneMuseo Archeologico Nazionale di Venezia
Quantità1
Posizionesul retro
DescrizioneMA
Notizie storico criticheLa statua appartiene ad un gruppo costituito da sei Virtù-più una di formato maggiore-, oggi conservate alla Ca' d'Oro (inv. Sc. 26-31) e caratterizzate da uno stato ampiamente incompleto nella parte posteriore.
L'attribuzione di tali opere ha creato non poche difficoltà. Inizialmente legate da Botti all'attività di Guglielmo Bergamasco, vennero in seguito avvicinate alla maniera di Antonio Lombardo ([Fiocco] 1924). Augusti (2000) propone invece l'attribuzione a Simone Bianco e ipotizza una loro realizzazione intorno al 1520 ca.. Recentemente le sei Virtù sono state ricondotte da Zanuso (2000 e 2004) a Cristoforo Solari, anticipandone l'esecuzione tra il 1493 e il 1495. La studiosa reputa che le statue in questione siano da riferirsi (assieme ad una settima a grandezza naturale conservata sempre alla Ca' d'Oro) ad un perduto ornamento scultoreo: l'altare del capitano di marina Giorgio Dragan o, più ragionevolmente, la cornice marmorea della Sacra Conversazione di Cima da Conegliano oggi alle Gallerie dell'Accademia. A sostegno di tale ipotesi vi è la presenza di un foro al centro della base che doveva servire ad agganciarle ad una struttura architettonica.
Per quel che concerne nello specifico la statua in esame, si tratta della Fortezza, rappresentata con gli attributi tipici.
 
FONTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO
FOTOGRAFIE
Generefotografia allegata
Tipopositivo b/n
AutoreBöhm
Ente proprietarioFondazione Giorgio Cini Onlus
CollocazioneFondazione Cini/ Fototeca Ist. di Storia dell'Arte
NegativoBöhm, Venezia, 11969
Formato13.8x25.6
PosizioneSDBohm 11969
BIBLIOGRAFIA
Citazione completa- G. Botti, Catalogo delle rr. Gallerie di Venezia, Venezia 1891, p. 125
- [G. Fiocco], Le Regie Gallerie dell’Accademia di Venezia, Bologna 1924, p. 163
- S. Moschini Marconi, Gallerie dell’Accademia di Venezia. Opere d’arte del secolo XVI, Roma 1962, pp. 295-296, cat. 508-513
- A. Augusti, in I tesori della fede. Oreficeria e scultura dalle chiese di Venezia, catalogo della mostra, Venezia 2000, p. 91, cat. 26-31
- S. Zanuso, Cristoforo Solari tra Milano e Venezia, in “Nuovi Studi”, 8, 2000, pp. 26-27
- A. Luchs, The London “Woman in Anguish” attribuited to Cristoforo Solari: Erotic Pathos in a Renaissance Bust, in “Artibus et historiae”, 47, 2003, pp. 161, 175, nota 28
- S. Zanuso, in Il Camerino di alabastro. Antonio Lombardo e la scultura all’antica, a cura di M. Ceriana, Milano 2004, pp. 200-203, cat. 41
MOSTRE
TitoloI tesori della fede. Oreficerie e sculture dalle Chiese di Venezia
LuogoVenezia, Chiesa di San Barnaba
Data2000
TitoloIl Camerino di alabastro. Antonio Lombardo e la scultura all'antica
LuogoFerrara, Castello Estense
Data2004